Informazioni su S3rCp02

Foto
Scheda

La mia foto!
Clicca sulla foto per ingrandirla
Nick S3rCp02
Nome Giuseppe Catuogno
Sesso M
Livello Operatore
Località Agropoli
Età 34
SitoWeb N.D.
Email s3rcp02@hotmail.com
Iscritto dal 05/12/2002 22:51:10
Descrizione

RAFFAELE CUTOLO
La "carriera"

La sua lunga storia criminale sarebbe iniziata nel 1963 con l'omicidio di un ragazzo del suo stesso paese, che avrebbe insultato sua sorella Rosetta durante un litigio. Per questo reato Cutolo fu condannato in appello a 24 anni di reclusione. In seguito, avendo presentato ricorso alla Corte di Cassazione, fu scarcerato per decorrenza dei termini, restando però in attesa di giudizio.

All'inizio degli anni '70 divenne un piccolo capetto della Camorra, dedito al contrabbando di sigarette ed al traffico di droga (soprattutto cocaina). In questo periodo, iniziò il percorso che lo avrebbe portato, nel giro di una decina d'anni, a diventare il numero uno della Mafia campana.

Gli fu attribuito il soprannome di "'O professore" (secondo alcuni perché indossava gli occhiali, secondo altre versioni, invece, perché era uno dei pochi del suo ambiente che sapesse leggere e scrivere); forte del fresco titolo, ebbe l'intuizione di riunire tutte le famiglie della camorra napoletana per costituirne una potente organizzazione in grado di competere con la mafia siciliana.
[modifica]

Il salto di qualità

Nel 1970 gli fu confermata la condanna per l'omicidio del ragazzo di Ottaviano e Cutolo si diede alla latitanza. Restò in libertà per un anno, ma fu arrestato dopo un conflitto a fuoco con i carabinieri a Palma Campania e successivamente incarcerato a Poggioreale. Fu proprio nel carcere che Cutolo reclutò gran parte del suo esercito, che in breve tempo raggiunse le 5000 unità.

Nacque così la "Nuova Camorra Organizzata" (NCO): un'organizzazione a metà tra la vecchia camorra di fine '800 ed un'istituzione militare. Inventò - secondo alcuni resoconti - anche un rituale di iniziazione, per il quale i nuovi adepti dovevano giurare fedeltà ripetendo un testo vagamente ispirato, che veniva reso "sacro" con l'ingestione di una goccia di sangue dal polso di un altro affiliato.

Più tardi i pentiti riferono agli inquirenti che all'interno dell'organizzazione vi era un vero e proprio culto per "Il Sommo" (anche soprannominato "Vangelo" e "San Francesco"); i proventi di un qualunque "lavoro" (attività illegale) dovevano essere suddivisi tra gli autori, Cutolo stesso, ed una "cassa comune" destinata al mantenimento delle famiglie dei carcerati ed al pagamento degli studi dei loro figli più promettenti.

La famiglia di Cutolo, spinta dal bisogno e dalla sobrietà, comprò ilcastello Mediceo (composto da 350 stanze) ad Ottaviano, per una spesa di diversi miliardi di lire dell'epoca, presto adibito a quartier generale della NCO, che Cutolo provvedeva a dirigere direttamente dalle carceri di Poggioreale e di Ascoli Piceno. In tutte le carceri in cui fu trasferito, Cutolo condusse sempre una vita molto agiata: si è sostenuto che la sua cella di Poggioreale avesse addirittura la moquette ed un prestigioso quadro alla parete.
[modifica]

Carcerazione virtuale

A rappresentare Cutolo fuori dal carcere restavano i suoi fidi luogotenenti: la sorella Rosetta (che ufficialmente è ricamatrice di professione, ma che secondo le sentenze che in seguito la condannarono sarebbe a tutti gli effetti un vero e proprio boss della camorra), Corrado Iacolare ed Vincenzo Casillo (detto o' nirone).

Quando ebbe bisogno di maggiore libertà di movimento, Cutolo si fece spostare al manicomio giudiziario di Aversa, grazie a perizie (suppostamente compiacenti) dello psichiatra forense Aldo Semerari (personaggio alquanto misterioso che si dice fosse legato ai servizi segreti e che fu poi coinvolto nelle indagini per la strage della stazione di Bologna).

Il 5 febbraio 1978, una carica di tritolo piazzata dai suoi fedelissimi fece saltare il muro di cinta dell’istituto di Aversa e Cutolo scavalcando le macerie riuscì a fuggire. Restò in libertà per un altro anno, affinando la densa frequentazione di colui che avrebbe eletto a suo scherano più fidato, Pasquale Barra, significativamente detto "'o animale". Il 15 maggio 1979 i Carabinieri trovarono il boss in un cascinale-bunker di Albanella e lo arrestarono. Rispedito a Poggioreale, Cutolo continuò a comandare anche dal carcere, procurando permessi ai suoi uomini di fiducia e comunicando quasi liberamente con l'esterno. La sua organizzazione sviluppava intanto i suoi interessi in molti settori: gioco d'azzardo, lotto nero, totonero, spaccio di droga, contrabbando di armi e sigarette, rapine, estorsioni, tangenti, truffe sui fondi CEE, biglietti falsi per lo stadio, furto e ricettazione, usura.
[modifica]

Né con lo stato, né con le BR; forse...

L'omicidio (il 14 aprile 1981) del direttore del carcere di Poggioreale, Giuseppe Salvia, che era stato schiaffeggiato e minacciato di morte in carcere dallo stesso Cutolo, fu moralmente attribuito al camorrista, che se ne suppone mandante. Poco dopo iniziò un rapporto di "collaborazione" tra Cutolo e lo Stato. Come sarà provato dalle indagini, Cutolo ricevette in carcere visite di importanti uomini di stato (ad esempio Flaminio Piccoli, Vincenzo Scotti ed Antonio Gava) e dei servizi segreti (prima del SISDE, poi, improvvisamente, avvicendati da quelli del SISMI). Sarebbe per effetto di un suo misterioso intervento che fu liberato l'assessore regionale democristiano Ciro Cirillo, che si trovava in località ignota, essendo stato rapito dalle Brigate Rosse di Giovanni Senzani.

Su eventuali nessi fra il camorrista ed i terroristi che giustificassero i contatti, come sul suo reale ruolo nell'operazione, come ancora sull'ipotesi che lo stato abbia dovuto patteggiare con un criminale di tal fatta, sarebbe di lì in poi sempre restato sospeso uno sconcertante silenzio delle autorità.

Un'eco di questa vicenda è stata però da taluni rilevata nella "strana" uccisione (avvenuta il 15 luglio 1982) del vicequestore della Polizia di Stato Antonio Ammaturo e del suo agente Pasquale Paola. Ammaturo fu infatti ucciso dalle Brigate Rosse, ma la sua attività professionale non riguardava il terrorismo, occupandosi a tempo pieno di lotta alla camorra. Sembra dunque alquanto strano che le BR colpissero un funzionario per esse non pericoloso, quantunque fastidioso per la criminalità organizzata.

Cutolo fu poi trasferito nel carcere di massima sicurezza dell'Asinara, in Sardegna, per forti pressioni di Sandro Pertini, allora capo dello Stato.
[modifica]

La terra trema, la camorra freme

Il 23 novembre 1980 un disastroso terremoto colpì l'Italia meridionale (particolarmente l'Irpinia) e la criminalità organizzata si insinuò per intercettare almeno in parte sia gli aiuti di prima necessità che il fiume di soldi che fu stanziato per la ricostruzione (50000 miliardi di lire). La situazione di emergenza fece necessariamente conferire grande discrezionalità alle amministrazioni locali e rappresentò un terreno molto fertile per la camorra che lucrò sul mercato nero degli aiuti e soprattutto, sugli appalti per la ricostruzione.

La camorra già gestiva propri istituti di credito ed aziende produttive, e si trasformò in breve tempo in una vera e propria holding del crimine, contro la quale in pochi osavano opporsi e chi lo faceva rischiava di pagare con la vita. Così pare sia accaduto a Marcello Torre, (sindaco di Pagani, Salerno) "reo" di aver bloccato l’assegnazione di un appalto per la rimozione delle macerie ad un'impresa della criminalità organizzata.

Il fiume di denaro pubblico che seguì al terremoto del 1980, paradossalmente, segnò l'inizio della fine del dominio incontrastato di Cutolo. Anche le altre famiglie della vecchia camorra campana, come gli Zaza (affiliati alla mafia siciliana), i Giuliano di Forcella ed i Casalesi, volevano avere la loro parte: riuniti in un'associazione provvisoria detta "onorata fratellanza", presero perciò accordi con il braccio destro di Cutolo, Vincenzo Casillo, per una spartizione territoriale, ed in un primo momento fu loro assegnata la città di Napoli, mentre Cutolo tenne per sé la campagna. Ma l'accordo fu ripensato e Cutolo, oltre a cercare di riprendersi la zona di Forcella-Duchesca-Mercato-Via del Duomo, assegnata ai Giugliano-Marano, pretese una tangente sul contrabbando delle sigarette di 30000 lire a cassa. Gli Zaza non cedettero al ricatto e fu guerra.

Nacque così una nuova organizzazione con l’obiettivo di contrastare i cutoliani. A comandare la "Nuova Famiglia" erano Lorenzo Nuvoletta, Carmine Alfieri, Umberto Ammaturo, Michele Zaza ed i fratelli Bardellino.
[modifica]

La cappa di piombo

Tra il 1980 ed il 1981 le vittime della guerra tra NCO e Nuova Famiglia furono circa 400, in media più di uno al giorno, cifra che sarebbe aumentata al ritmo di 250 all'anno in un'apoteosi di violenza senza precedenti. Casal di Principe, nel casertano, ottenne il sinistro primato di area urbana col più alto tasso di omicidi d'Europa; ma "brillava" anche per l'altrettanto singolare record di 17 consiglieri comunali su 30 sotto inchiesta per collusioni con la camorra.

Nell'estate del 1981 presso la masseria dei Nuvoletta i boss si riunirono per cercare di porre fine alla mattanza. Dopo poco tempo i cutoliani uccisero Salvatore Alfieri e la guerra riprese, a tutti i livelli ed in tutti gli ambienti. Anche nelle carceri si dovettero prevedere due sezioni distinte: una per i cutoliani e una per quelli della nuova famiglia.

I cutoliani erano in numero maggiore, ma quelli della Nuova Famiglia erano militarmente meglio organizzati e potevano contare sull'appoggio della mafia siciliana. Alcuni sostengono che il fattore decisivo per le sorti della guerra sia in realtà stata la graduale perdita di appoggio politico da parte di Cutolo.

A perdere la guerra fu la NCO di Cutolo, i cui uomini passarono con la Nuova Famiglia o furono ammazzati, come Casillo che, forse per mano di Carmine Alfieri, saltò in aria nel quartiere di Primavalle a Roma (a poca distanza da Forte Boccea, che ospita uffici del Sismi), appena salito a bordo della sua nuova auto; la sua convivente, dopo poco tempo fu trovata murata in un pilone di calcestruzzo.

La nuova famiglia continuò i suoi affari illeciti per alcuni anni, fino a quando fu anch'essa vittima di una guerra interna.
Media dei voti inviati al profilo (92) Vota
6.2
Vota il profilo di S3rCp02

Sono presenti 5 commenti al profilo
Autore
Testo commento
jenifer00

Nome: jenifer
Sesso: F
Località: new york

Ciao
Il mio nome è Jeniferjohnson
ho visto il tuo profilo oggi (irc.agropoli.net) e
divenne intrested in te, mi piacerebbe anche sapere che il più, e ho
desidera di inviare una e-mail al mio indirizzo mail così posso darvi la mia foto per farvi sapere che io am.Here è il mio indir e-mail (jenifer_johnson3@yahoo.com)
Credo che si possa passare da qui! Sono in attesa di tua mail al mio indirizzo di posta elettronica di cui sopra.
Jenifer.
(Ricordate la distanza o il colore non importa, ma l'amore questioni molto nella vita)
contattatemi qui (jenifer_johnson3@yahoo.com)...

Hello
My name is Jeniferjohnson
i saw your profile today(irc.agropoli.net) and
became intrested in you,i will also like to know you the more,and i
want you to send an email to my email address so i can give you my picture for you to know whom i am.Here is my email addre (jenifer_johnson3@yahoo.com)
I believe we can move from here!I am waiting for your mail to my email address above.
jenifer.
(Remeber the distance or colour does not matter but love matters alot in life)
please contact me here (jenifer_johnson3@yahoo.com)

Scritto il 04 Maggio 2011 alle ore 18:59:45
Autore
Testo commento
Dj CirPan

Nome: Ciro
Sesso: M
Località: agropoli

wOW
k poFiLO
10_
rIk°
Hai MSN??

Scritto il 10 Aprile 2008 alle ore 19:59:16
Autore
Testo commento
BamBoLiNa

Nome: *DaNa*
Sesso: F
Località: *In Un CeS

*aUgUriiii* =D

Scritto il 28 Marzo 2008 alle ore 19:26:04
Autore
Testo commento
KATANGA

Nome: Ale
Sesso: M
Località: AGROPOLI (

frat a meeeee tant auguri

Scritto il 28 Marzo 2008 alle ore 17:03:12
Autore
Testo commento
.pUzZLeD.

Nome: Ciro
Sesso: M
Località: oDdiOo_°

.aUgURi.
10_
RiK°

Scritto il 28 Marzo 2008 alle ore 7:27:01

Segnala questo profilo agli amministratori. Fallo solo se contiene una foto offensiva, pornografica o coperta da copyright.